• Cybercrime e truffe affettive, quando la rete è pericolosa

    I mille volti di Gabriele Defilippi, sul quale pesa l’accusa dell’omicidio di Gloria Rosboch, erano nascosti anche tra le maglie dei social network dentro i quali viveva vite diverse e studiate a tavolino. I giornali ci raccontano di un’attenzione quasi maniacale ai dettagli: in ogni social un nome e un cognome differente, come una foto di profilo diversa. Una via che sempre più spesso è percorsa da quelle persone che vogliono utilizzare il web per adescare e raggirare persone sole, in cerca di affetto. Leggi Tutto