• Inaugurato a Cuneo il nuovo Nodo antidiscriminazioni

    Abbiamo inaugurato ieri, nella sede della Provincia a Cuneo, il settimo Nodo antidiscriminazioni, un centro di ascolto e di aiuto per chi ha subito un’ingiustizia per motivi legati all’orientamento sessuale, identità di genere e di sesso, alla nazionalità di provenienza, alla disabilità, all’età e alle credenze religiose. L’apertura di questo luogo, gestito da esperti e psicologi, è stata possibile grazie alla legge approvata nel 2016, la numero 5, alla quale la Regione Piemonte ha lavorato con assiduità.

    Il Nodo va ad ampliare la rete già costituita, che sta prendendo in carico numerose persone. Ieri all’inaugurazione hanno partecipato tutti gli enti pubblici e i privati che hanno aderito alla rete locale e che si sono candidati a essere Punti Informativi, in tutto 10 soggetti. Ci ha fatto piacere incontrare i rappresentanti dei Comuni di Cuneo, Alba, Bra e Saluzzo, della Prefettura, della Questura, dell’ordine provinciale degli avvocati, dei due Consorzi socio-assistenziali del territorio, delle organizzazioni sindacali, delle associazioni di mediatori, degli operatori dell’accoglienza e delle associaizioni Lgbt.

    Con i Nodi stiamo cercando di far emergere le discriminazioni e di elaborare politiche di prevenzione, affinché le differenze siano considerate un valore per la nostra comunità. Sarebbe importante che si parlasse di queste realtà. Il loro lavoro fa bene alla comunità, ma purtroppo se ne discute solo per mettere in evidenza le storie negative, anche quelle di cui purtroppo si stanno rendendo protagoniste alcune amministrazioni pubbliche. Un caso recente, e preso in carico dalla rete antidiscriminazioni, è quello di Novara, dove è stata negata la piscina comunale agli organizzatori di un corso per richiedenti asilo. Oggi torniamo a parlare poi di questa città perché la giunta ha negato il patrocinio al Pride. Troppo poco si parla invece di tutte le amministrazioni che stanno lavorando a una cultura del cambiamento che sia inclusiva verso le differenze.

Commenti chiusi