• Nella risposta al nostro question time, l’assessore Ravello smentisce il mega inceneritore a Vercelli

    Durante la seduta del Consiglio Regionale di oggi abbiamo presentato un’interrogazione a risposta immediata nella quale abbiamo chiesto all’Assessore all’Ambiente, Roberto Ravello, di chiarire se la Giunta regionale abbia già trovato un’intesa con le Porvince di Vercelli, Novara, Biella e VCO in merito alla gestione dei rifiuti per il quadrante nord-est.
    Il nostro allarme nasce da alcune dichiarazioni pubbliche nelle quali si ipotizzava dello smaltimento di tutti i rifiuti indifferenziati delle quattro provincie attraverso combustione nell’unico impianto sito a Vercelli, ampliato allo scopo.
    Non possiamo che dirci soddisfatti del fatto che l’Assessore ci abbia rassicurato sul fatto che al momento non è stato individuato alcun sito di combustione dei rifiuti, tanto meno quello di Vercelli.
    Il testo del Protocollo di Intesa attualmente è all’esame delle diverse amministrazioni che dovranno approvarlo formalmente e poi sottoscriverlo. L’Assessore ci ha comunicato che è stata “considerata anche l’ipotesi si una manutenzione straordinaria dell’impianto di Vercelli che non potrà pregiudicare le necessarie operazioni di bonifica delle aree circostanti l’impianto esistente”, ma che comunque il dato diffuso secondo il quale si dovrebbe giungere a bruciare 160mila tonnellate di rifiuti l’anno è assolutamente infondato. Noi stiamo a queste affermazioni.
    Dunque, l’ambito nel quale si stanno muovendo gli organi di informazione è quello delle ipotesi e la Regione Piemonte per il momento non ha raggiunto alcuna intesa nel merito della questione. Vigileremo sulla situazione nella consapevolezza che anche la Regione verrà chiamata a pronunciarsi sul progetto, le Province presenteranno.
    Gli Enti Locali hanno effettuato tanti sforzi nella gestione dei rifiuti a tutela anche dell’ambiente, della differenziazione dei rifiuti e della riduzione degli stessi, finalità che per noi restano principali obiettivi da perseguire in questo ambito e che tuteleremo con ogni mezzo a nostra disposizione, non pensare a nuovi grandi inceneritori.

Commenti chiusi