• Guerra contro la tratta, in quattro anni la Regione ha salvato 600 donne

    Contro la tratta la Regione Piemonte ha una guerra in corso. Diverse le misure adottate che hanno portato, dal 2014 al 2018, a contattare 8.558 donne grazie alle unità di strada e agli sportelli aperti per raccogliere possibili richieste d’aiuto.  Oltre 600 sono state le ragazze, in prevalenza nigeriane, sottratte a sfruttatori senza scrupoli. Leggi Tutto

  • La Regione cerca partner per progettare corsi di formazione civico-linguistica

    La Regione Piemonte ha aperto le selezioni per individuare  un partner per la co-progettazione e, in caso di approvazione ministeriale, la realizzazione del Piano Petrarca 6, per la costruzione di percorsi di formazione civico linguistica rivolti a cittadini di Paesi Terzi che vivono regolarmente sul territorio regionale. Leggi Tutto

  • Bistagno, dove cooperazione internazionale e accoglienza sono di casa

    “Quando ci incontravano, deviavano il loro percorso pur di non incrociarci. Ci guardavano di traverso. Mentre oggi non è più così, ci salutano, ci conoscono e non hanno più paura”. Con queste parole uno dei ragazzi della cooperativa CrescereInsieme ha raccontato la trasformazione della percezione che un intero territorio, quello tra Canelli e Bistagno,  solo qualche anno fa aveva dei migranti. Oggi, nella sede del mio assessorato in via Bertola a Torino, ho incontrato infatti il sindaco del comune di Ziniarè, Burkina Faso, la sindaca di Bistagno, Comune che ha dei progetti di cooperazione attivi in Africa e i componenti di alcune cooperative che lavorano con i rifugiati. Leggi Tutto

  • Domodossola, dove il sindaco sogna l’apartheid

    Siamo al ridicolo. Il sindaco di Domodossola, Lucio Pizzi, qualche giorno fa ha proposto stanze separate per vaccinare bimbi e rifugiati e forse sogna l’Apartheid. Noi gli abbiamo risposto. Troppi messaggi di disinformazione e certe assurdità oggi non possono essere ignorati. In un altro momento storico non avremmo forse dato peso alle sue parole deliranti, ma visto il clima che si respira nel Paese crediamo importante ricordare che anche un italiano potrebbe essere potenzialmente portatore di malattie contagiose, magari contratte dopo un bel viaggio all’estero.

    Ritenere minacciata la salute dei bambini dai migranti è semplicemente una  fesseria. Con le sue parole insensate il sindaco di Domodossola ha creato allarme e diffuso la paura infondata nei confronti degli stranieri. Ha parlato di rischi, ma non ci risulta che in tanti anni di sbarchi ci siano state epocali epidemie in Italia causate dai migranti. Pizzi si è tra l’altro mosso senza informarsi: come ben detto dal direttore della Asl, le stanze nelle quali vengono vaccinati i bimbi sono già separate da quelle degli adulti. A prescindere dalla razza.

    Di certo, l’affermazione del primo cittadino, che ha avuto eco sui media nazionali, è stata dannosissima. Ha contribuito ad alimentare un clima di paura. Il sindaco, a mio parere, era solo in cerca di visibilità alle spalle degli ultimi. Per questo stiamo valutando se aprire un procedimento per comportamento discriminatorio in base alla nostra legge regionale. Anche perché non è la prima volta che fa affermazioni di questo tipo. Domodossola ha tra l’altro negato persino il patrocinio gratuito alla nostra mostra Exodos, che parla di storie di inclusione e che, in compenso, ha ricevuto la medaglia del presidente della Repubblica.

  • Forum dei nuovi cittadini e cittadine, la Regione tira un bilancio delle cose fatte  

    Ieri pomeriggio si è tenuto, nella sede della Regione in corso Regina Margherita, il Forum regionale dei nuovi cittadini e cittadine. Ho presentato una sintesi di tutto ciò che sta facendo il nostro ente. A partire dal progetto col quale finanziamo i corsi di italiano per migranti, fino all’istituzione di un fondo antidiscriminazione che li aiuti a sostenere le spese legali in caso siano stati vittime di un’ingiustizia. Ho soprattutto ascoltato i preziosi consigli arrivati dai rappresentanti delle associazioni. È stato un bel momento di comunità, grande la partecipazione. Un fatto importante in un periodo in cui chi arriva da altri paesi, anche se qui da più di vent’anni, percepisce un clima ostile. Leggi Tutto

Pagina 5 di 67« Prima...34567...102030...Ultima »