• Intelligenza artificiale a Torino, viva la differenza

    L’annuncio che Torino ospiterà l’Istituto nazionale per l’Intelligenza Artificiale è un’ottima notizia. Su ogni nuovo fatto siamo spesso portati a dividerci fra sostenitori acritici, che in questo caso vedono automaticamente grandi investimenti sulla nostra città, e scettici a prescindere, che possono ricordare come altre assegnazioni, ad esempio l’Authority dei trasporti, non abbiano avuto le ricadute sperate.

    In questo caso, mi viene innanzi tutto da sottolineare che stiamo parlando di intelligenza artificiale, vale a dire ciò che segnerà la nostra vita futura, essendo entrata già a far parte del quotidiano (servizi clienti automatizzati tramite chatbot, definizione di strategie di vendite, procedure di selezione del personale, programmi per operazioni chirurgiche, …) e prossima a stravolgere il mondo del lavoro. Quindi non stiamo ragionando di un settore la cui portata è definita a priori.

    Stiamo guardando avanti, con un Istituto che dovrà necessariamente sfruttare le potenzialità del territorio, a partire dagli atenei, ed essere punto di riferimento per le realtà del nostro Paese, con un respiro internazionale, provando a dare un contributo che colmi il gap che l’Italia e più in generale l’Europa soffrono rispetto a Stati Uniti e Cina.

    In questa direzione, può essere strategico costruire un progetto riconoscibile. Essenziale individuare la sede fisica, ma altrettanto fondamentale può essere concentrare le energie sulla definizione di questa riconoscibilità. Siamo a Torino, una città che si è contraddistinta per la sua capacità di includere le differenze. Questa potrebbe essere una delle caratteristiche connotanti il nuovo Istituto, partendo dalla diversità principale che ci distingue, l’essere donna o uomo. Ancora poche sono nel mondo le pubblicazioni di ricercatrici nel campo dell’intelligenza artificiale, riflettendo il divario di genere che esiste nelle discipline scientifiche. Si tratta allora di non escludere le competenze di metà della popolazione femminile. Ben di più del rispetto, seppur importantissimo, delle pari opportunità o del rispondere ad una rivendicazione femminista. Significa porre al centro dell’attenzione l’obiettivo di elaborare i programmi di intelligenza artificiale in modo che riproducano un mondo inclusivo, in cui siano rappresentate le differenze, senza pregiudizi. Un esempio molto semplice: si è visto che le applicazioni di riconoscimento facciale hanno riscontrato più problemi a determinare dalle immagini del viso il genere femminile rispetto a quello maschile, e analogamente persone di pelle scura rispetto a bianche, rilevando tassi diversi di efficacia in corrispondenza a differenti gruppi di sviluppatori del software.

    Non dunque un aspetto secondario, da considerare formalmente perché è politicamente corretto, inserendolo in fondo all’agenda, come avviene sempre quando si parla di pari opportunità. È nodale per un futuro che vorremmo migliore del presente. 

  • Impatto di genere come leva di sviluppo

    Il Comitato europeo dei diritti sociali (CEDS)  ha riscontrato violazioni del diritto alla parità di retribuzione e del diritto alle pari opportunità sul luogo di lavoro in 14 dei 15 paesi che hanno accettato di applicare la procedura dei reclami collettivi della Carta sociale europea. Solo la Svezia è risultata in linea con i principi contenuti nella Carta. Il ricorso è stato presentato dall’ONG internazionale University Women Europe (UWE).

    Nessuno stupore che l’Italia invece sia inadempiente. Vengono individuate come carenze principali non tanto quelle legislative, ma la mancata trasparenza salariale nel mercato del lavoro, l’assenza di vie di ricorso efficaci e l’insufficienza dei poteri e mezzi conferiti agli organismi nazionali per la promozione della parità di genere. Leggi Tutto

  • Quanto è razzista il Piemonte? Ecco i dati che ce lo rivelano in dieci punti

    Sono 118 i casi segnalati e gestiti dai Nodi della Rete regionale contro le discriminazioni dal 1° gennaio 2018 a fine febbraio 2019: il 36% a Torino e territorio metropolitano, il 64% nelle altre province piemontesi. A dirlo è l’Ires, l’istituto di ricerca della Regione Piemonte incaricato del monitoraggio dell’attività della Rete, che ha raccolto i dati dagli 8 nodi contro le discriminazioni che operano anche attraverso i 104 Punti informativi distribuiti sul territorio (a cui presto si aggiungeranno altri 23 punti in via di attivazione). Questi sono stati illustrati sabato mattina durante il convegno ‘Il Piemonte contro il razzismo e le discriminazioni’, organizzato in collaborazione con Rete 21 marzo – mano nella mano contro il razzismo, Unar e Ires Piemonte. Ma ecco in dieci punti cosa dice la ricerca. Leggi Tutto

  • Donne vittime di violenza, inaugurato a Moncalieri  uno sportello informativo

    Ieri pomeriggio alle 17,30 sono intervenuta all’inaugurazione dello sportello informativo per donne in difficoltà, presso il centro Polifunzionale P.G. Ferrero, in via Santa Maria 27, a Moncalieri.

    Si tratta di uno dei dieci sportelli finanziati da un bando della Regione e che va a rafforzare la rete contro la violenza sulle donne. Oltre all’apertura di questi punti d’ascolto, apriranno in Piemonte anche nuovi quattro centri antiviolenza (così dai sedici attuali, entro fine 2019, si salirà a venti). Nel caso dello sportello di Moncalieri la beneficiaria dei fondi è stata l’Arci Valle di Susa che ha presentato il progetto. Leggi Tutto

  • Otto maschi su otto al Csm, la giustizia in Italia porta ancora i pantaloni – Il mio articolo sull’Huffington Post

    Il mio articolo sull’Huffington Post

    Siamo nel 2018, eppure la giustizia, almeno ad alti livelli, è ancora amministrata dagli uomini. Sono poche, pochissime, le donne che arrivano all’apice. Come a dire: in questo mondo grande e terribile, per riportare ordine e per far rispettare la legge, sono necessari i pantaloni. E noi siamo stanche di messaggi ottocenteschi.

    Sono passati più di cinquant’anni da quando nel 1963 le donne poterono entrare in magistratura. Prima erano considerate instabili, fragili. Invece adesso costituiscono il 53% della magistratura ordinaria. Anche per questo avremmo tanto voluto che il Parlamento a maggioranza pentaleghista ne eleggesse qualcuna nel Consiglio superiore della Magistratura, organo di autogoverno di questo potere dello stato.

    Invece no, sono stati eletti solo uomini. Otto maschi su otto al Csm. E quattro su quattro per ciascuno degli altri tre organi su cui ci si esprimeva (Amministrativo, Tributario e Corte dei Conti).

    Le donne scarseggiano di sicuro se si guarda alla Corte costituzionale: su 13 giudici, sono appena tre. E dal 1848, anno in cui è stata istituita la Cassazione, a oggi, la Suprema Corte non ha mai avuto un presidente donna.

    Cosa cambia? Credo l’approccio.

    Capita in medicina: una prevalenza storica degli uomini ha portato per esempio a pensare i farmaci per curare il corpo degli uomini. Oggi invece si sta finalmente scoprendo l’importanza della medicina di genere.

    Capita in politica. In certi paesi, anche in Italia, l’esercizio del potere a prevalenza quasi esclusivamente maschile ha portato leggi a misura di maschio. Ricordate la patria potestà, il cognome dell’uomo ai figli e via dicendo? Perché nell’interpretazione delle leggi questo fattore non dovrebbe avere influenza?

    Faccio un esempio. Di recente la sezione penale della Corte di Cassazione si è espressa in tema di stupro. L’oggetto della discussione era se considerare l’ubriachezza della vittima un’aggravante a danno dei violentatori. La sezione penale ha deciso che, in virtù di quella che è la legge, quello stato di maggiore fragilità non dovesse essere considerato un’aggravante.

    Siamo sicuri che una maggiore presenza femminile in quella sezione non avrebbe portato i giudici a un’interpretazione diversa? Non sono una giurista ma, magari commettendo errore, in me restano degli enormi dubbi.