• Trasporto Pubblico Locale: situazione drammatica e la giunta resta al palo

    Mentre affiorano le stime sui tagli previsti dalla Finanziaria per il trasporto pubblico a livello nazionale, uno studio di Legambiente mette in rilievo le cifre per ogni singola Regione.

    Questa mattina l’assessora Quaglia, ha sottolineato le difficoltà di Bilancio, con un accenno alla possibile restituzione della delega trasporti nelle mani del Governo, senza però annunciare concretamente quali azioni nell’immediato voglia intraprendere la Giunta per salvare la mobilità piemontese.

    Per la nostra Regione infatti, il taglio si annuncia di circa 180 milioni di Euro a partire dal 1 Gennaio 2012. Ciò comporterà quasi sicuramente costi triplicati per gli abbonamenti dei pendolari, vorremmo per questo comprendere su quali elementi si stia fondando l’immobilismo del Presidente Cota, cui sono bastate evidentemente le rassicurazioni date dai ministri della Lega, nel corso dell’incontro di Monza finito al centro di un’inchiesta della Procura del capoluogo.
    Che il Presidente Cota fosse solito partecipare alle gogliardate leghiste era noto; ciò che non possiamo accettare è la sudditanza con la quale si antepone la fedeltà nei confronti del Senatur all’interesse dei cittadini piemontesi, in totale disaccordo alla sbandierato federalismo.

    Non vorremmo che dal  1 Gennaio 2012 la Lega si accorgesse dei tagli e assumesse come propria, la protesta…contro se stessa. E’ meglio tradire il Senatur o Piemontesi ?

Lascia una risposta

Devi essere logged in per pubblicare un commento.