• Sul Centro Regionale sull’Amianto, Monferino faccia meno annunci ad effetto e più fatti

    Un paio di settimane addietro l’Assessore alla Sanità della Regione Piemonte, Paolo Monferino, ha incontrato il sindaco di Casale Monferrato, Giorgio Demezzi. Al termine dell’incontro annunci roboanti: inizierà la “Fase Due” della lotta all’amianto.
    Ci limitiamo a porre all’attenzione dell’Assessore Monferino che il famoso Centro Regionale sull’Amianto non è neppure stato inserito nel Piano Sanitario Regionale e che da quando la Lega ci governa la legge che istituisce il Centro non è mai stata finanziata.
    Noi abbiamo presentato un emendamento al Piano Sanitario Regionale nel quale chiediamo maggiore attenzione per il Centro regionale per la ricerca, sorveglianza e prevenzione dei rischi da amianto, chiedendo anche che si stabiliscano obiettivi, funzioni, modello organizzativo, gestione del Centro e, soprattutto, le risorse adeguate al funzionamento, organico compreso.
    Questo emendamento è stato accettato in Commissione, ma occorre che la Regione assuma da subito impegni concreto sulla vicenda e, non dovremmo ricordarlo ma non si può mai sapere, che ci sia il maggior coinvolgimento possibile in questo percorso delle parti interessate istituzionali ed associative , riconoscendo il ruolo fondamentale svolto sino ad oggi dall’Associazione Familiari delle Vittime da Amianto.

Commenti chiusi