• Salvini pensi prima di parlare

    Pensa, prima di parlare pensa; prima di dire e di giudicare prova a pensare“. Un consiglio per Matteo Salvini adattando una canzone di Fabrizio Moro. Il leader della Lega Nord ha avuto troppa fretta nel commentare le dichiarazioni del Presidente della Repubblica durante Vinitaly.

    Forse perché ha annusato la possibilità di strumentalizzare in modo fuorviante una dichiarazione di Mattarella che ha voluto ribadire l’importanza dell’export, e quindi di superare i confini nazionali, per il commercio italiano, nello specifico quello dei vini.

    Al Presidente è bastato invocare il “superamento delle frontiere” e non il loro ripristino per meritarsi accuse pesantissime da parte di Salvini. Il punto però è un altro: il populismo di una certa politica quando si parla di temi tanto delicati quanto l’immigrazione e l’accoglienza.

    Proprio ieri nel giorno in cui a Idomeni 300 migranti sono rimasti feriti negli scontri con la polizia. Secondo quanto riporta la rivista Internazionalegli agenti macedoni hanno usato gas lacrimogeni e, secondo il governo greco e alcune ong, anche dei proiettili di gomma per respingere i profughi che volevano entrare in Macedonia“.

    Salvini dimostra irresponsabilità. Le sue parole non tengono conto della crisi internazionale in atto alla quale debbono essere date delle risposte da parte dell’Unione Europea, UE della quale lui è un esponente in quanto eurodeputato. Sarebbe bello poter dialogare, confrontarsi e magari anche scontrarsi dialetticamente su temi concreti cercando di trovare una soluzione regionale, nazionale ed europea per una crisi che potrebbe cambiare il concetto di Europa!

Commenti chiusi