• Regione Piemonte e Atenei piemontesi: 750.000 euro in tre anni per il Diritto allo Studio universitario

    Approvato dalla Giunta regionale del Piemonte lo schema di accordo tra Regione Piemonte, Università degli Studi di Torino, Politecnico, Università del Piemonte Orientale e Università degli Studi di Scienze Gastronomiche per la valorizzazione delle attività dell’Osservatorio regionale per l’Università e per il Diritto allo Studio Universitario. Un testo che ho presentato e che è stato discusso durante la seduta di Giunta di questa mattina.  

    Regione Piemonte e Atenei piemontesi si impegnano a stanziare in totale 250.000 euro annui durante il triennio 2016-2018 per acquisire informazioni e documentazioni, raccogliere e aggiornare dati statistici, promuovere studi, ricerche, progetti per lo sviluppo universitario e dei servizi per il diritto allo studio. Queste azioni saranno di supporto al Comitato Regionale di Coordinamento (Coreco), all’Ente Regionale per il diritto allo studio universitario del Piemonte (EDiSU) e alle attività degli Atenei stessi.

    La Regione Piemonte stenzierà un importo annuo di 128.000 euro, inserite nel Bilancio di previsione 2016-2018, mentre gli Atenei stanzieranno 122.000 euro annui. Il totale dell’investimento nel trienno equivarrà a 750.000 euro. L’Osservatorio regionale per l’Università e per il Diritto allo Studio Universitario è stato istituito con legge regionale numero 29 del 18 novembre 1999 ed è attivo dal 30 dicembre dello stesso anno.

    L’approvazione dello schema di accordo tra Regione e Atenei si inserisce all’interno del percorso più ampio di rilancio del Diritto allo Studio Univeritario in Piemonte che ha già portato alla concessione delle borse di studio a tutti gli studenti idonei già da quest’anno.

Commenti chiusi