• Question time in Consiglio Regione sugli Ospedali Psichiatrici Giuduziari. Sabato giornata di mobilitazione nazionale per la loro chiusura

    Entro il 1 febbraio del prossimo anno gli Ospedali Psichiatrici Giudiziari dovranno essere superati, lo dice la legge, ma il Piemonte non ha ancora deciso cosa sarà del futuro di chi ad oggi si trova in queste strutture.
    A stabilire la fine degli OPG è la Legge n. 9 del 17 Febbraio 2012 (art.3 ter), di conversione del decreto-legge n. 211 del 22 Dicembre 2011, recante “Interventi urgenti per il contrasto della tensione detentiva determinata dal sovraffollamento delle carceri” che stabilisce la chiusura di queste strutture autorizzando una spesa di 120 milioni di euro nel 2012 e 60 milioni nel 2013 per la copertura degli oneri per la realizzazione e riconversione delle strutture sanitarie extraospedaliere.
    Le risorse vengono assegnate alle Regioni ed alle Province Autonome successivamente alla presentazione di programmi regionali finalizzati al superamento degli OPG. Questi programmi dovevano essere consegnati entro il 15 settembre di quest’anno.
    Ricorrere alla creazione di nuove strutture significherebbe confinare in un luogo “altro” la malattia mentale e svuotare di significato la presa in carico dei Dipartimenti di Salute Mentale, oltre che essere un ulteriore spreco di denaro. Si dovrebbe invece utilizzare le risorse previste dall’art. 3 ter della Legge 9 del 2012 per potenziare i servizi dei Dipartimenti di Salute Mentale e le altre Agenzie del Territorio e arricchire l’offerta di cura per tutti i cittadini e non solo per i provenienti dagli OPG.
    Per questi motivi il Gruppo consiliare di Sinistra Ecologia Libertà ha interrogato la Giunta regionale per comprendere se si è proceduto alla definizione del programma regionale finalizzato al superamento degli OPG, verificando il numero, la distribuzione territoriale degli internati bisognosi di soluzioni di carattere residenziale così come la disponibilità dei posti letto nelle Comunità Protette presenti sul territorio.
    La risposta che abbiamo ottenuto non ci ha soddisfatti: ad oggi non è stato formulato un programma soddisfacente in merito. Sappiamo che al 31 luglio 2012 sedici pazienti piemontesi erano ancora internati presso l’OPG di Reggio Emilia ed è inoltre possibile che altri pazienti piemontesi siano presenti in altre strutture sul territorio nazionale. Questi dopo il 1 febbraio 2013 in quale struttura piemontese verranno trasferiti? Al momento non vi è alcuna notizia certa.
    Il 29 settembre in tutte le regioni italiane si terrà una giornata di mobilitazione per sensibilizzare sulla chiusura degli Ospedali Psichiatrici Giudiziari, e il Gruppo consiliare di Sinistra Ecologia e Libertà ha organizzato per quella giornata un seminario sul tema delle carceri presso il Consiglio regionale (Sala Viglione), “Carcere: uscire dall’emergenza. Ripensare la pena: le proposte di SEL”. L’incontro inizierà alle ore 9.30.

Commenti chiusi