• Primissime considerazioni a caldo sul voto

    I risultati delle elezioni amministrative non ci riservano particolari sorprese.
    Ciascuno tende a vedere il proprio bicchiere mezzo pieno, anziché mezzo vuoto.
    Un risultato positivo però lo voglio sottolineare: l’affermazione al primo turno di Massimo Zedda a Cagliari, e di quel centrosinistra nelle amministrazioni locali, che invece a Torino qualcuno ha voluto dichiarare morto, in funzione di un inesistente progetto nazionale, ora certificato anche dall’assenza di consenso.
    É invece un dato oggettivo il fatto che il vero competitore, in termini di voti, sia il Movimento 5 Stelle, che, laddove si presenta, è ormai una forza politica con un suo radicamento che non raccoglie solo il voto di protesta, e riesce, mantenendo volute ambiguità su alcuni temi, a raccogliere sia a destra che a sinistra.
    Sarà il compito delle prossime due settimane farle emergere.
    Intanto però voglio fare i miei complimenti alle candidate e ai candidati di Progetto Torino, per la passione e la determinazione. Il risultato ottenuto, con un simbolo nuovo e la poca visibilità che viene data a una lista di coalizione, in una campagna elettorale che ha lasciato spazio quasi esclusivamente ai candidati a sindaco, ė importante e significativo.

Commenti chiusi