• Le mie condoglianze ai familiari di Mustafà El Chouifi e Nora Rharif

    Il Piemonte vi è vicino e non vi lascerà soli. È questo quel che voglio dire ai figli di Mustafà El Chouifi e Nora Rharif, i due genitori torinesi che nella notte di venerdì sono stati travolti e uccisi da un tir al casello di Rondissone.

    Mustafà era torinese e italiano. Era arrivato a Mirafiori, nel mio quartiere, negli anni 90′, aveva trovato un lavoro e si era costruito una famiglia il cui ultimo frutto è nato solo un paio di mesi fa. Una famiglia che rappresenta il modello di inclusione al quale noi guardiamo.

    La nostra è una comunità multiculturale composta da persone di tutte le etnie con storie e culture differenti, ma che sono unite dal senso di appartenenza che le lega al territorio sul quale hanno investito in progetti di vita. Troppo spesso i marocchini che vivono in Italia devono fare quel qualcosa in più per farsi accettare nella società che hanno scelto di vivere; troppo spesso devono fare i conti con chi sfrutta la loro nazionalità per fare notizia o demagogia.

    Le mie condoglianze sincere e quelle della Giunta regionale del Piemonte vanno ai familiari di Mustafà El Chouifi e Nora Rharif. Il Piemonte non abbandonerà il frutto dell’amore di questi due genitori.

Commenti chiusi