• L’acqua è di tutti, non mangiamone troppa

    Questa mattina ho partecipato alla conferenza stampa di presentazione del progetto “L’acqua è di tutti, non mangiamone troppa”. Questo è il mio intervento. In Italia ognuno di noi consuma ogni giorno 6.048 litri di acqua in modo “invisibile” acquistando beni che per essere prodotti hanno complessivamente richiesto quella quantità d’acqua.

    Il nostro Paese è ai primi posti nel mondo in quanto a consumi d’acqua, al di sopra della media UE e subito dopo gli Stati Uniti. È anche per questo che Regione Piemonte e Regione Autonoma Valle d’Aosta hanno voluto affrontare, nell’ambito del progetto di contrasto agli sprechi alimentari “Una Buona Occasione”, il tema dell’eccessivo consumo d’acqua legato alle nostre abitudini alimentari sostenendo la campagna di sensibilizzazione “L’acqua è di tutti, non mangiamone troppa”, rivolta alle scuole secondarie di primo e secondo grado, che coinvolgerà, con la fattiva partecipazione degli esperti delle Associazioni dei consumatori, quasi 150 istituti scolastici piemontesi e valdostani individuati con la collaborazione dell’Ufficio Scolastico Regionale del Piemonte e della Sovraintendenza agli Studi valdostana.

    Lo spreco di cibo è esso stesso causa primaria dell’abnorme prelievo di risorse idriche nella filiera agroalimentare ma soprattutto dalla convinzione che contrastare lo spreco di cibo e ridurre l’impronta idrica dell’alimentazione costituiscono entrambi aspetti irrinunciabili di un nuovo e “sostenibile” rapporto col cibo.

Commenti chiusi