• La “Sinistra di Palazzo” chiede che il Presidente Cota ridia dignità al suo Palazzo

    “Io adesso vado a lavorare e vi saluto”. Questa frase, con cui il Presidente Cota ha chiuso la sua comunicazione sul tema dei ricorsi elettorali e ha abbandonato l’aula, pesa come un macigno. Segue poi all’affermazione che “non è pirla”.

    E’ questo il suo rispetto dell’istituzione di cui è Presidente?

    Noi non entriamo nel merito del suo intervento.

    Se noi siamo la “Sinistra che fa il solito gioco di Palazzo”, come lui ci ha definiti, noi abbiamo rispetto per il Palazzo, e pretendiamo che tutti i partiti lo abbiano.

    Ricordiamo che fare della facile demagogia, qualunquismo può alla fine danneggiare le stesse forze politiche che li praticano, poiché esse stesse siedono nel Palazzo e i cittadini non distinguono fra “buoni” e “cattivi”,  ma viene solo accresciuta la loro lontananza dalla politica.

    A questo punto, riteniamo sia necessario che il Presidente Cota  riveda da subito la propria agenda e calendarizzi la sua presenza in Consiglio Regionale in questa settimana, ridando dignità al suo Palazzo.

    Abbiamo deciso di non abbandonare i lavori delle Commissioni, nel rispetto dei lavori del Consiglio, ma, se non viene ripristinata la sua dignità, mettiamo da parte lo spirito collaborativo che finora ha contraddistinto l’opposizione.

Lascia una risposta

Devi essere logged in per pubblicare un commento.