• autobus

    La mia solidarietà alla ragazza nera aggredita. Un episodio da non sottovalutare

    Esprimo la mia solidarietà alla ragazza insultata e presa a calci sul bus a Torino perché nera. Le istituzioni non possono non stigmatizzare un fatto come questo, la cui gravità ė indipendente dal fatto che la ragazza sia o meno di nazionalità italiana.

    È ancor più preoccupante se nessuno sul bus, come viene riportato dai media, sia intervenuto.

    Non possiamo sottovalutare questo brutto episodio, anche se fortunatamente molti di più sono i momenti di relazione positivi. Come istituzioni abbiamo il compito di farli conoscere per combattere la diffidenza e anche l’indifferenza di chi si ferma all’immagine, spesso strumentalmente distorta, di una convivenza più difficile di quanto lo sia realmente.
    Se la ragazza lo desidera, sarò felice di incontrarla con i suoi genitori, per manifestarle la vicinanza della Regione.

Commenti chiusi