• La maggioranza naviga a vista senza un orientamento politico. Sul bilancio finora solo scelte tecniche obbligate

    Oggi la maggioranza in Consiglio Regionale ha impedito la discussione sul bilancio, compiendo un grave atto di arroganza che serve a celare le proprie divisioni interne.
    Apprezziamo la relazione puntuale dell’assessora Quaglia, che però conferma la totale assenza di scelte prioritarie per il bilancio regionale.

    Le risorse impegnate finora riguardano solo capitoli ineludibili, come stipendi dei dipendenti, rate dei mutui e contratti del trasposrto pubblico locale. Rimangono ancora senza alcuna destinazione molte altre risorse, che potrebbero andare a sanare quelle difficili situazioni che la cronaca delle proteste porta ogni giorno alla nostra attenzione, come il diritto allo studio (ancora oggi una nuova e giusta mobilitazione degli studenti), la cultura, l’assistenza.

    Nel resoconto presentato oggi non c’è alcun orientamento politico, ma solo interventi ineludibile e scelte tecniche obbligate: la maggioranza naviga a vista per evitare l’impatto contro i numerosi iceberg delle fratture politiche interne.

Commenti chiusi