• Emendamenti di SEL al bilancio regionale: tutelare welfare, trasporti e salute

    Il Bilancio 2012 presentato dalla Giunta regionale, anche nelle sue parti integrative, dimostra come Cota e i suoi siano incapaci di rispondere alle sfide di oggi e alle crescenti necessità dei propri cittadini in momenti di crisi economica.

    Già in occasione dell’aumento delle addizionali IRPEF ci siamo trovati di fronte ad una Giunta che non sa o non vuole tutelare le fasce più deboli della popolazione. La bozza di bilancio regionale non corregge il tiro e se possibile lo peggiora.

    Non condividiamo l’impianto e la filosofia di un bilancio che millanta lotta agli sprechi e invece si caratterizza per tagli indiscriminati. Per queste ragioni abbiamo presentato emendamenti nei giorni scorsi a partire da quelli sull’assistenza sociale a tutela di un welfare locale sempre più minacciato.
    Oggetto di emendamento specifici sono inoltre i capitoli su diritto allo studio e assistenza scolastica, per garantire piena attuazione di un diritto costituzionale.

    Di fronte a tagli enormi esercitati sul trasporto pubblico locale ci siamo impegnati affinché la Regione garantisca almeno l’esistenza dei servizi presenti.

    Poichè ci troviamo di fronte a crescenti pericoli prodotti da rischi di natura idrogeologica e riteniamo la cura del territorio una fonte di sviluppo, abbiamo voluto che fosse valorizzato da uno specifico emendamento.

    Altri due emendamenti proposti riguardano il finanziamento di due leggi regionali, quella sull’amianto e quella sui pericoli da materie ionizzanti, fondamentali per la tutela della salute in Piemonte,  per le ingenti quantità di manufatti in amianto ancora presenti e per il concentrarsi di più dell’80% delle scorie nucleari italiane. Due leggi ritenute all’avanguardia dal punto di vista normativo, ma che la Giunta di Cota dimentica puntualmente di finanziare adeguatamente.

Lascia una risposta

Devi essere logged in per pubblicare un commento.