• Avviato il percorso condiviso che porterà alla nuova legge regionale sull’immigrazione

    Si è tenuta ieri la prima riunione del “Forum regionale dei nuovi cittadini e delle nuove cittadine” durante la quale è stato avviato un confronto partecipato per la stesura del nuovo disegno di legge regionale per la promozione della cittadinanza. Alla riunione hanno partecipato un centinaio di rappresentanti delle associazioni piemontesi di migranti o che offrono servizi alla popolazione straniera. Durante l’incontro è stata distribuita una primissima bozza del testo del disegno di legge.

    La nuova legge regionale per la promozione della cittadinanza, che dovrà sostituire l’attuale legge sull’immigrazione che risale al 1989, si articola in quattro sezioni: i principi fondanti della legge; la protezione sociale; le azioni da mettere in campo per promuovere l’uguaglianza negli ambiti di competenza regionale come la sanità, la formazione, e di potenziamento e sistematizzazione di servizi come quelli di mediazione culturale; la programmazione e la partecipazione che prevede l’elaborazione di un piano triennale, del “Forum regionale dei nuovi cittadini e delle nuove cittadine” e di una Consulta regionale.

    Ho ribadito la volontà della Regione Piemonte di continuare il percorso di costruzione condiviso del testo di legge anche attraverso una serie di incontri sul territorio a partire da quelli con i Consigli territoriali che sono in capo alle Prefetture. È anche emersa l’esigenza di avviare un percorso di sostegno alle associazioni formate da cittadini e cittadine straniere o che offrono servizi a questi in modo da ampliare la platea degli interlocutori, effettuare un maggiore scambio di informazioni e recepire le buone pratiche presenti sul territorio.

    Ho concluso dicendo che nei prossimi giorni verrà integrata la bozza del disegno di legge con le indicazioni che sono già arrivate dalle associazioni, in modo da mettere a disposizione un primo testo da sottoporre a consultazione.

Commenti chiusi