• A Bernezzo si parla di Senegal, ora il Comune ospiterà quattro migranti

    Cielo azzurro, terso, distese di palme, donne e uomini dalla pelle color ebano, vestiti di stoffe variopinte. Queste, forse, alcune delle immagini riaffiorate nella mente di chi ieri sera, a Bernezzo, in provincia di Cuneo, ha raccontato dell’esperienza di cooperazione decentrata in Senegal, durante l’evento conclusivo del progetto “Tutto il mondo in due paesi”, finanziato dalla Regione Piemonte. Durante la serata, la sindaca Laura Vietto ha anche annunciato l’adesione al Sistema di protezione per richiedenti asilo, che permetterà di dare ospitalità a quattro migranti.

    Andare in Africa aiuta a conoscere meglio le terre da cui provengono uomini e donne che poi arrivano a casa nostra. La delegazione del Comune di Bernezzo, durante la missione di aprile aveva incontrato i rappresentanti del Comune di Madina Ndiathbe, e ieri ha ricordato momenti di vita e di scoperta reciproca. Gli agricoltori piemontesi hanno spiegato quanto sia stato stimolante provare a condividere le buone pratiche senegalesi e condividere i propri saperi con le persone del posto. Per me è stato emozionante partecipare a quest’ultimo incontro, osservare da vicino l’utilità di questi scambi tra realtà così diverse ai fini del superamento delle diffidenze, dell’apertura di credito verso chi appartiene ad un altro continente.

    Per la bella serata, per questa diversa narrazione di ciò che è Africa, ringrazio la sindaca Laura Vietto, il nostro funzionario deputato alla Cooperazione, Giorgio Garelli, il coordinatore di Apdam, Christian Foti e i rappresentanti di Engim Internazionale Piemonte e della Cooperativa sociale Fiordaliso. E tutti coloro che credono che costruire un futuro più giusto per tutti sia possibile.

Commenti chiusi