• Contro le mafie, ecco perché ho sottoscritto l’appello di Avviso Pubblico

    Ci sono interi comuni del Piemonte nei quali è stata riscontrata la presenza della ndrangheta. Ci sono amministratori locali che sono scesi a patti con le organizzazioni criminali, tanto da essere condannati per questo. Nel nostro paese persino alcuni personaggi, che a parole si battevano contro la mafia, sono stati travolti da scandali. E’ chiaro quindi che in Italia esista un grande problema, aggravato da crisi economica, crescente precarietà e disoccupazione, dall’aumento delle disuguaglianze sociali e dall’insicurezza, e dalla crescente sfiducia verso le istituzioni e la politica.

    Per questo reputo sacrosanto sottoscrivere l’appello di Avviso Pubblico che mette in guardia sui rischi che tante difficoltà possano essere terreno fertile per le mafie. Credo che la lotta alla criminalità organizzata debba essere una delle priorità nel nostro paese. Per quanto mi riguarda credo che la strada per contrastarle sia difendere i diritti, combattere la povertà, ridurre le disuguaglianze, cercare di eliminare i clientelismi che si sviluppano in ogni campo (l’abbiamo visto nell’università, nella sanità pubblica). Per questo firmo con convinzione l’appello e ringrazio Avviso pubblico. Per un’Italia più onesta, per un’Italia più giusta e inclusiva.

    Qui l’appello che ho sottoscritto:

    appelloAvviso Pubblico

     

Commenti chiusi