• Nella giornata mondiale contro il bullismo, una lettere a Juve e Toro per chiedere di inviare i calciatori nelle scuole

    Oggi ho scritto alla Juve e al Toro per chiedere aiuto contro la violenza negli stadi e fuori. Credo che per gli studenti sarebbe molto interessante vedere i propri idoli, magari anche di nazionalità diverse da quella italiana, che parlano di fair play, bullismo sportivo e rispetto dello straniero. Leggi Tutto

  • Piemonte, la Regione prima in Italia a inviare il ricorso contro la legge sicurezza alla Corte Costituzionale

    Insieme all’avvocato della Regione, Giovanna Scollo, giovedì mattina,  ho inviato dall’ufficio postale del tribunale di Torino, alla Consulta, il ricorso contro la legge sicurezza. Con questo atto di 96 pagine si chiede la dichiarazione di illegittimità costituzionale dell’intero decreto legge del 4 ottobre 2018 n. 113, convertito poi in legge che violerebbe ben 26 norme.
    Leggi Tutto

  • Bando cooperazione, Regione e Compagnia assegnano 363mila euro a 23 Comuni piemontesi

    Sono in tutto 23 i Comuni che si sono aggiudicati i 363mila euro di finanziamenti messi a disposizione dalla Regione e dalla Compagnia di San Paolo attraverso l’ultimo bando “Piemonte & Africa Sub-sahariana 2018. Leggi Tutto

  • Si rafforza la lotta contro la tratta. Ma già 4 vittime su dieci a livello nazionale sono state aiutate in Piemonte

    Quattro vittime di tratta su dieci, a livello nazionale, sono state strappate agli sfruttatori e inserite in un percorso di accoglienza grazie al lavoro svolto in Piemonte nel 2018. Il dato, raccolto dal Numero verde nazionale antitratta e che riguarda solo le richiedenti asilo esaminate dalla Commissioni territoriali, è stato comunicato questa mattina a Palazzo della Regione, durante la sottoscrizione del protocollo d’intesa tra l’ente, capofila del progetto territoriale anti-tratta ‘Anello Forte’, e la Commissione territoriale per il riconoscimento della protezione internazionale di Torino (e sezioni annesse), rappresentata dalla presidente Laura Cassio. Ha partecipato a questo momento anche la Procuratrice del tribunale dei minori, Anna Maria Baldelli.

    Questo protocollo va a rendere permanente un lavoro già avviato in forma sperimentale e a porre un tassello importante per tutelare, maggiormente rispetto a quanto accaduto fino a oggi, le vittime di tratta che stanno richiedendo protezione internazionale.

    Con il protocollo d’intesa, si dà concreta attuazione a una misura del Piano nazionale d’azione contro il grave sfruttamento dell’essere umano 2016-2018, che incoraggia la cooperazione interistituzionale nel contrasto della tratta e prevede la costituzione di un Meccanismo Nazionale di Referral, inteso come “la cooperazione tramite cui gli attori statali adempiono ai propri obblighi per proteggere e promuovere i diritti umani delle vittime di tratta, coordinando i propri sforzi in un partenariato strategico con la società civile”.

    Si è istituzionalizza una collaborazione iniziata in forma sperimentale dalla Commissione nel 2014 con il solo Comune di Torino ed estesa nell’ambito del progetto “L’Anello forte” (2017-2019) a 8 dei 12 enti attuatori (Comune di Torino, Liberazione e speranza, Tampep, Gruppo Abele, Idea Donna, Progetto Tenda, Piam e Granello di senape). Grazie a questa firma, la Commissione territoriale potrà continuare a sospendere la procedura per il rilascio della protezione, chiedendo prima di decidere un parere ad un ente antitratta del territorio, quando verrà ad aver a che fare con una vittima di tratta.

     

    I dati piemontesi

    In via sperimentale, il dialogo tra Commissione e enti anti-tratta ha già portato a risultati. Tra l’avvio de “L’Anello forte” (1 dicembre 2017) e il 31 dicembre 2018, sono pervenute al progetto 308 richieste di valutazione di sospette vittime di tratta. L’85% delle segnalazioni ha riguardato richiedenti di genere femminile, l’84% presunte vittime di sfruttamento sessuale, quasi il 10% minori di ambo i sessi, l’84% persone di nazionalità nigeriana.

    Le valutazioni concluse, con la trasmissione della relazione alla Commissione, sono state 298, pari ad oltre il 58% delle valutazioni totali condotte dagli enti nell’ambito del progetto.

    Inoltre, l’80% delle/dei richiedenti asilo sottoposti alla valutazione (238 persone) sono stati identificati quali vittime di tratta. Di queste, 64 sono state prese in carico dal progetto.

    I dati raccolti dal Numero verde nazionale antitratta, riguardanti la procedura di dialogo tra le Commissioni e i 21 progetti territoriali antitratta, testimoniano il rilievo del lavoro condotto dalla Commissione di Torino e dagli enti antitratta piemontesi nel panorama nazionale: le richieste di valutazione pervenute ad Anello forte rappresentano il 14% di quelle nazionali; le valutazioni concluse sono il 20% di quelle nazionali; le persone identificate come vittime di tratta costituiscono il 23% delle vittime identificate a livello nazionale; infine, le vittime prese in carico dal progetto piemontese sono il 42% delle prese in carico effettuate a livello nazionale.

  • Comuni fuorilegge, Livorno Ferraris e Saluggia hanno poche donne in giunta

    Ho di recente bacchettato i sindaci di Saluggia e di Livorno Ferraris, nel vercellese. Le loro giunte comunali risultano inadempienti rispetto alla legge che prevede la presenza di almeno un 40% di donne. Già a novembre avevo contattato il sindaco di Saluggia, Firmino Barberis, e il sindaco di Livorno Ferraris, Stefano Corgnati. Con il primo, c’è stato uno scambio di email. Il secondo non mi ha nemmeno dato una risposta. Leggi Tutto

Pagina 5 di 571« Prima...34567...102030...Ultima »