• Presentato il Dossier Statistico Immigrazione 2014: i dati sul Piemonte ci impongono di lavorare a una legge contro le discriminazioni

    Nonostante la crisi economica i residenti stranieri in Piemonte aumentano. I dati pubblicati sul Dossier Statistico Immigrazione 2014 – Rapporto UNAR, presentato questa mattina presso la sede dell’assessorato regionale all’Immigrazione a Torino, tracciano la fotografia della condizione e del livello di integrazione degli immigrati sul nostro territorio.

    Alla fine del 2013 il numero di residenti stranieri in Piemonte è aumentato circa del 10% rispetto all’anno precedente passando dai 384.996 del 2012, ai 464.000 dell’anno scorso. Nella nostra regione la popolazione straniera è il 9.3% del totale, un dato al di sopra della media nazionale che è del 8.1%: Asti, Alessandria, Cuneo e Novara le province con la maggiore incidenza; Biella e VCO quelle con la minore incidenza.

    QUI SOTTO IL VIDEO COMPLETO DEL MIO INTERVENTO DURANTE LA PRESENTAZIONE DEL DOSSIER IMMIGRAZIONE 2014

    Rispetto al 2012 però la popolazione straniera residente in Piemonte ha visto un peggioramento della propria condizione: il tasso di disoccupazione è del 22.8% e tra i giovani sino ai 24 anni sale addirittura al 52.7%. Le assunzioni di lavoratori di origine straniera sono state 82.067, ma nello stesso periodo le cessazioni a loro carico sono state 91.913. Se però il versante del lavoro dipendente non è positivo, non si può dire lo stesso del versante del lavoro autonomo: le “nuove imprese” avviate da immigrati sono aumentate del 4.5% e alla fine del 2013 erano 38.704.

    I dati sono interessanti anche sotto il profilo demografico e sociale. In Piemonte 1 nato su 5 nel 2013 è straniero. Alla fine dell’anno scorso il 19.7% dei nuovi nati stranieri in Piemonte non erano italiani per un totale di 7.030 bambini. Un dato che indica come stiano aumentando le seconde generazioni e che viene confermato anche dal numero delle iscrizioni presso gli istituti scolastici: in totale gli allievi stranieri iscritti erano 75.276, pari al 12.7% di tutta la popolazione scolastica e di questi oltre la metà, il 55.5%, è nato in Italia. Se si guardano gli iscritti alla scuola dell’infanzia si può registrare che tra l’80% e il 90% dei bambini stranieri è nato nel nostro Paese.

    I dati del rapporto ci indicano come la nostra società stia diventando anno dopo anno sempre più multietnica. Sono convinta che partendo da questo rapporto e dalle tante realtà che operano sul nostro territorio possiamo costruire un percorso di cambiamento anche sotto il profilo legislativo. Dobbiamo avviare la costruzione di politiche comuni a partire da quella che può essere una nuova legislazione regionale che vada a cambiare norme regionali vecchie. Dobbiamo mettere in campo politiche che siano di aiuto alle amministrazioni locali perché non si sentano sole nella gestione delle problematiche collegate all’immigrazione. È nostro interesse potenziare il Centro regionale sulle discriminazioni e credo che valga la pena che ne derivi un’assunzione politica dell’importanza di questo lavoro. La nostra sfida è quella di provare a costruire una nuova legge regionale contro tutte le discriminazioni. Dobbiamo dare risposte complessive a domande specifiche. Quindi lavorare politicamente per affrontare tutte le problematiche discriminatorie per il raggiungimento di un provvedimento legislativo.

Commenti chiusi