• Polis Aperta: le forze dell’ordine contro l’omofobia

    Le forze dell’ordine contro l’omofobia, se ne parlerà lunedì mattina in occasione del decennale della fondazione Polis Aperta. Si tratta dell’associazione LGBTI composta da persone appartenenti alle Forze di Polizia o alle Forze armate.

    L’appuntamento si terrà presso la Sala “Norberto Bobbio” del Vecchio Tribunale in via Corte d’Appello a Torino e avrà il patrocinio del Comune, della Regione Piemonte e dell’OSCAD (Osservatorio Contro gli Atti Discriminatori della Polizia di Stato e dell’Arma dei Carabinieri).

    L’evento sarà diviso in due momenti: il primo avrà come tema “Sindacati e lavoratori LGBT in polizia: libertà e uguaglianza nel lavoro e nella vita”; il secondo avrà come tema “Sicurezza e Comunità: Forze di Polizia contro omofobia e transfobia”.
    Al primo dibattito parteciperanno i Sindacati confederali e i Sindacati di polizia italiani, una delegazione di Eurocop (Confederazione europea di Polizia che rappresenta più di mezzo milione di poliziotti in 27 paesi europei) e rappresentanze di sindacati di polizia di altri paesi europei. Lo scopo sarà quello di scambiarsi e apprendere buone prassi per l’inclusione e l’uguaglianza dei lavoratori della Polizia, a prescindere dal loro orientamento sessuale e identità di genere, e di riflettere sulla responsabilità e il ruolo del sindacato.
    Nella seconda parte della giornata invece si cercherà di comprendere il ruolo delle forze di polizia nella lotta contro le discriminazioni e i crimini ai danni delle persone omosessuali e transessuali.

    La Regione Piemonte in questo senso sta facendo molto. Questa settimana abbiamo messo a consultazione la nostro proposta di legge contro ogni forma di discriminazione; consultazione online che avrà termine l’8 maggio e che è consultabile alla pagina delle Pari Opportunità nell’Area Tematica del sito della Regione Piemonte.

Commenti chiusi