• Novara, si rafforza la rete contro le discriminazioni

    La Regione continua la sua lotta contro le discriminazioni per ragioni di etnia, sesso, credo religioso, orientamento sessuale. E’ stato sottoscritto oggi a Novara il protocollo tra i vari punti informativi territoriali, quegli sportelli a disposizione dei cittadini che vogliano denunciare un’ingiustizia o avere notizie su come tutelarsi. Ben 14 i firmatari: il Comune di Novara, i Centri per l’Impiego di Novara e Borgomanero, il Consorzio Socioassistenziale Cisas, l’Istituto Tecnico Industriale G. Omar, la Uil, le associazioni Mobadara, Liberazione e Speranza, Mamre, Noi come voi, Albatros, la cooperativa Frutteto, Enaip Novara e Borgomanero.

    Hanno poi aderito, la Procura della Repubblica di Novara, l’Ordine degli Avvocati e l’Ordine degli Psicologi, Confartigianato, la Cgil e la Cisl, Novara Arcobaleno, per citarne solo alcuni.
    Continuiamo insomma a lavorare all’attuazione della legge regionale 5/2016, consolidando la rete territoriale. Il personale dei punti informativi ha ricevuto un’adeguata formazione sul diritto antidiscriminatorio. E ci aiuteranno a far conoscere meglio il Fondo antidiscriminazioni a cui può accedere chi vuole difendersi in giudizio per vedere sostenute le spese legali. Ci auguriamo in questo modo di aiutare sempre più cittadini. Nella nostra società purtroppo le discriminazioni sono ancora frequenti e spesso passano sotto silenzio. Noi vogliamo rendere più forti i cittadini e metterli nelle condizioni di denunciare.

Commenti chiusi