• La Regione Piemonte aderisce alla “Carta d’Intenti” predisposta dalla Rete cittadina dei CUG

    La Regione Piemonte aderisce alla “Carta d’Intenti” predisposta dalla Rete cittadina dei Comitati Unici di Garanzia (CUG) promossa dal Comune di Torino. A sostenere e promuovere in Giunta regionale l’adesione sono stati gli assessori Monica Cerutti e Giovanni Maria Ferraris.

    I Comitati Unici di Garanzia per le pari opportunità operano per la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni. Il 21 luglio del 2015 con deliberazione della Giunta comunale di Torino veniva costituita “La Rete cittadina dei CUG”, utile a favorire lo scambio di buone prassi e informazioni, condivisione di azioni comuni ed esperienze di formazione per dare omogeneità di conoscenze e competenze ai soggetti che compongono la rete.

    «Aderire alla “Carta d’Intenti” predisposta dalla Rete cittadina dei Comitati Unici di Garanzia (CUG) promossa dal Comune di Torino è il modo migliore per fare sistema contro le discriminazioni e a favore delle Pari Opportunità anche all’interno dell’amministrazione pubblica. L’efficacia delle azioni che portiamo avanti è maggiore davanti a un percorso di condivisione degli intenti, ma anche degli strumenti» – ha dichiarato Monica Cerutti, assessora alle Pari Opportunità della Regione Piemonte.

    Soddisfazione per il provvedimento è stata espressa anche dall’assessore regionale al Personale Giovanni Maria Ferraris, che ha commentato: «L’adesione della Regione Piemonte alla Rete Cittadina dei Comitati Unici di Garanzia è un passaggio importante, nell’ottica della centralità della persona e del diritto alla pari dignità per ogni lavoratore, e sono contento di averlo portato avanti come provvedimento di Giunta regionale Un atto essenziale per condividere e non disperdere il patrimonio di metodologie e contenuti formativi di enti diversi e che possono diventare elementi comuni per il benessere dei lavoratori. Utilizzare al meglio le risorse umane e creare condizioni di lavoro più favorevoli aumenta, inoltre, l’efficienza della Pubblica Amministrazione, che sarà così in grado di dare risposte veloci e il più possibile soddisfacenti al cittadino».

Commenti chiusi