• #IAmAMigrant: siamo stati, siamo e forse torneremo migranti. Oggi è la Giornata internazionale dei migranti

    Oggi in tutto il mondo si celebra la Giornata internazionale dei migranti. Si tratta di un evento che è stato istituito dall’Onu nel 2000. Il giorno non è stato scelto a caso perché il 18 dicembre del 1990 venne adottata la Convenzione internazionale sui diritti di tutti i lavoratori migranti e dei membri delle loro famiglie.

    Migranti sono coloro che si mettono in viaggio per arrivare nel nostro Paese, ma migranti sono pure coloro che decidono di andare via dall’Italia. L’ISTAT poche settimane fa ha pubblicato il rapporto “Migrazioni internazionali e interne della popolazione residente” per l’anno 2013. Secondo l’istituto statistico le immigrazioni dall’estero nel 2013 sono state 307.000; mentre le emigrazioni dall’Italia verso l’estero durante lo stesso periodo sono state 126.000, un dato che dal 2007 a oggi è più che raddoppiato.

    Nel 2013 gli immigrati che hanno stabilito la loro residenza in Piemonte sono stati in totale 19.499. Le principali cittadinanze sono quella romena (il 26.1%), quella marocchina (13.1%) e quella albanese (5.8%). L’anno scorso però è stato un anno di movimenti anche per i cittadini italiani: sono 5.969 i piemontesi che sono emigrati all’estero e 1.719 i piemontesi che sono tornati in Regione, segnando un saldo negativo di 4.250 cittadini.

    #IAmAMigrant, l’hashtag di riferimento per la giornata di oggi, non è mai stato così attuale. I migranti non sono solo coloro che arrivano dall’Africa sui barconi sfidando il Mediterraneo; i migranti siamo anche noi quando decidiamo di andare a cercare in un altro Stato quel che l’Italia non ci offre. Come i migranti sono stati i nostri nonni o bisnonni che sono andati in Germania o in Argentina per battere la miseria che c’era in Italia.

Commenti chiusi