• Giornata della Memoria, ricordare il passato per garantirci un futuro migliore senza discriminazioni

    Questa mattina 3.500 studenti sono venuti al PalaRuffini di Torino per ricordare il dramma dell’Olocausto in occasione della Giornata della Memoria. Il 27 gennaio del 1945 avvenne la liberazione del campo di concentramento di Auschwitz dove vennero sterminate 1.100.000 persone: il 90%, ebrei. È per questo che con una risoluzione dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite è stato deciso che questa data doveva diventare il simbolo della liberazione dalla tirannia e dalla follia del regime nazi-fascista.

    Dobbiamo ricordare il passato per garantirci un futuro migliore. Sui treni che portavano ai campi di concentramento salivano gli ebrei, gli omosessuali, gli zingari, gli oppositori politici e le minoranze religiose. Insomma salivano quelli che venivano considerati diversi. Quella che oggi celebriamo è la vittoria contro la più grossa persecuzione e discriminazione mai fatta ai danni dell’umanità. Ancora oggi qualcuno vorrebbe dividere le persone tra “noi” e “loro”, il nostro compito è quello di combattere queste dinamiche. La nostra, principalmente, deve essere una battaglia culturale.

    La Giornata della Memoria rimane dunque di valore attuale rispetto alla lotta contro tutte le discriminazioni. Il nostro compito deve essere quello di lavorare per garantire i diritti a tutte e a tutti. In giorni come questi è ancora più importante perché la paura e la precarietà della vita che molti nostri concittadini sono obbligati a vivere sono gli strumenti che vengono utilizzati dalla politica xenofoba e razzista che soffia sul vento dell’intolleranza. Noi dobbiamo combattere questo pericolo con tutti i nostri mezzi.

Commenti chiusi