• Comuni fuorilegge, Livorno Ferraris e Saluggia hanno poche donne in giunta

    Ho di recente bacchettato i sindaci di Saluggia e di Livorno Ferraris, nel vercellese. Le loro giunte comunali risultano inadempienti rispetto alla legge che prevede la presenza di almeno un 40% di donne. Già a novembre avevo contattato il sindaco di Saluggia, Firmino Barberis, e il sindaco di Livorno Ferraris, Stefano Corgnati. Con il primo, c’è stato uno scambio di email. Il secondo non mi ha nemmeno dato una risposta.

    Barberis si è trovato in una situazione di disparità di genere per via delle dimissioni dell’assessora Margherita Cotevino, che ha tentato di sostituire proponendo l’incarico a Maria Pia Melle, unica altra donna presente nel gruppo di maggioranza senza incarichi assessorili. Melle però ha declinato l’invito.
    A quel punto mi sarei aspettata un’accurata e approfondita indagine, da parte del primo cittadino, tra le donne del suo comune, anche al di fuori del consiglio comunale. Ma il sindaco non ha così a cuore la questione, perciò ho segnalato la questione al difensore civico della Regione. Il quale ha facoltà di nominare un commissario ad acta sulla questione.
    Adesso ho riscritto al sindaco di Livorno Ferraris, sperando che decida di farmi conoscere la sua posizione.

Commenti chiusi