• Una buona notizia dal Parlamento. Più semplice vivere con il proprio cane o gatto

    Vivere insieme al proprio cane o gatto da oggi è più semplice. La Camera dei deputati ha infatti approvato una proposta di legge sostenuta dalla Lav ad inizio legislatura nella quale si prevede la riforma del codice civile nella parte in cui si tratta delle norme dei regolamenti condominiali nei quali si vieta alle famiglie di possedere o detenere animali domestici.
    In Italia secondo i dati della Lav sarebbero 20 milioni gli animali che vivono in famiglia. In passato spesso queste sono state protagoniste di dispute iniziate all’interno delle assemblee condominiali e a volte terminate anche in tribunale con un evidente ed inutile congestionamento anche della macchina della giustizia. Un passo in avanti per evitare queste inutili discussioni è stato fatto oggi. Il provvedimento ora dovrà essere discusso in Senato, ma siamo fiduciosi che il buon senso continui a regnare.
    Gli animali, come le famiglie che li amano, non devono essere discriminati. Un cane o un gatto non è un oggetto d’arredo, ma un essere vivente che spesso può essere d’aiuto morale o di compagnia. Siamo soddisfatti dunque dell’approvazione bipartisan di questo provvedimento e siamo convinti che debba essere considerato nella sua totale dignità e non come una questione di Serie B.
    Il nostro Paese di adegua ai principi europei che tutelano gli animali in quanto essere senzienti e che puniscono i loro maltrattamenti. Uno Stato civile è anche quello che difende i migliori amici dell’uomo e i loro diritti.

Commenti chiusi