• Il movimento No Tav ha strategia politica. A Bussoleno è partito un vero confronto, anche all’interno del PD

    Credo al contrario di Umberto D’Ottavio che il movimento No Tav abbia strategia politica.
    Come lui ho partecipato al convegno di stamattina di Bussoleno e proprio la presenza di sensibilità diverse dimostra che la manifestazione di oggi ha la potenzialità di avviare un nuovo corso sulla vicenda.
    Gli interventi di Laura Puppato e di Michele Emiliano hanno dimostrato disponibilità all’ascolto, al rimettere in discussione scelte, finora considerate ineluttabili, soprattutto in un contesto mutato economicamente.
    Molti amministratori locali presenti hanno trovato in esponenti nazionali del loro stesso partito, il PD, finalmente attenzione.
    Ben venga la commissione d’inchiesta proposta dai parlamentari del M5S, ma la politica deve riprendersi la scena e tornare a nutrirsi di un confronto, finora negato da chi si è trincerato dietro presunte scelte tecniche e irrevocabili.
    Oggi questo confronto può ripartire, tornando al merito delle questioni, affrontando nella trasparenza la sostenibilità economica, ambientale e sociale della linea ad alta velocità Torino-Lione.

Lascia una risposta

Devi essere logged in per pubblicare un commento.