• Chiusura della discarica di Basse di Stura entro dicembre 2009: nessun ampliamento nel cosiddetto “vallone”

    Nella riunione di oggi il tema che ha visto maggiori contrapposizioni all’interno della maggioranza è quello della chiusura della discarica di Basse di Stura.
    Abbiamo apprezzato la franchezza del Vicesindaco che ha prospettato l’ipotesi di riempimento del cosiddetto “vallone”, che sarebbe non un semplice rinvio della data di chiusura di qualche mese, ma un’estensione vera e propria dell’attuale discarica, da utilizzare di nuovo per un certo numero di anni, soluzione alla quale siamo nettamente contrari.Verrebbe così meno l’impegno preso dall’amministrazione di chiusura entro dicembre 2009.E non capiamo quale possa essere lo strumento prospettato dal sindaco di coinvolgimento della città sulla scelta da intraprendere.Il referendum è inaccettabile perchè chiederebbe ai cittadini di pronunciarsi su una decisione che l’amministrazione ha già da tempo assunto e su cui deve mantenere la propria credibilità. I problemi economici collegati debbono essere affrontati con serietà, senza però continuare a mettere da parte il problema della sostenibilità economica di Amiat.

Commenti chiusi